COME ESSERE UN GENIO DEL COPYWRITING?

ECCO IL TRUCCO PIU' FURBO CHE DEVI IMPARARE

  • I Tuoi lettori stanno facendo quello che Tu vuoi che loro facciano?
  • Stanno cliccando sui tuoi link per ordinare il tuo e-book?
  • O si stanno iscrivendo al Tuo convegno?

Se così non non succede, è allora necessario imparare il segreto del copywriting da un maestro artigiano.

Questa tecnica agisce come un telecomando per indurre i Tuoi lettori ad agire. Premi questo pulsante "magico" e vedrai i risultati di migliorare drasticamente.

Il segreto per costringere i lettori ad agire è. . .

. . . . chiederglielo!

Ti ho annoiato? Pensi che sto impazzendo? Non c'è nulla di magico o difficile da ottenere a qualcuno di fare qualcosa solo chiedendoglielo, Giusto? Ti sembra del tutto evidente.

Eppure la maggior parte delle persone non lo fa.

Ed è per questa ragione che la maggior parte delle persone ottiene risultati scarsi.

 

  • La scrittura persuasiva ha bisogno di un forte invito all'azione

Il consiglio di "chiederglielo sempre" è stato trasformato in un termine del marketing dal suono epico: il call to action; come se suonassero le trombe e e i potenziali clienti siano in marcia per la guerra solo perché si è inserito un paio di parole, alla fine del Tuo testo.

Il termine può sembrare un po 'altisonante. Ma il fatto è semplice, una volta guadagnata l'attenzione del lettore (con un grande titolo e un gancio forte) e presentati tutti i vantaggi che si otterrà agendo come si desidera, resta ancora da fare l'ultimo passo.

Per questo hai bisogno di dire al tuo lettore esattamente cosa fare, come farlo, che deve farlo e deve farlo adesso.

 

  • Devi essere concreto

L'ultimo maestro del copywriting, Gary Halbert, voluto includere livelli di dettaglio apparentemente folli nei suoi inviti all'azione.

Il suo testo finiva con qualcosa di simile: "Chiama (specifica il numero 800_____). Parlerai con una donna di nome Paola che indosserà un maglione blu e che Ti chiederà: vuoi la versione “large” o quella “jumbo”?. Dille che desideri il jumbo. Lei ti chiederà il Tuo indirizzo postale dove ricevere i pacchetti, daglielo. …. " E Lui va poi avanti così per un bel po 'di tempo.

Per i copywriter principianti ci si sente ad usare una strana tecnica imbarazzante: che ti fa vedere il mondo storto. Ma per il lettore, nel contesto di un'azione che poteva costare pò di soldi, tempo o inconvenienti, questo livello di dettaglio crea invece una solida e confortevole comprensione di cosa fare e cosa aspettarsi.

Se vuoi che il tuo lettore agisca, usa un linguaggio molto specifico, con chiari dettagli concreti. Non lasciare alcuna domanda sospesa su cosa vuoi veder accadere. E non aver paura di essere un pò "troppo evidente".

 

  • I tuoi lettori non sono stupidi

Mentre stai scrivendo, penserai di esser stato stupidamente chiaro. Hai speso 14 ore su quel lungo articolo che descrive il fascino dei nuovi servizi. Hai poi fatto seguire 12 puntate sul tuo blog e una sequenza autoresponder di 20 e-mail.

Adesso, secondo te, qualsiasi imbecille può capire che cosa fare dopo: il tuo lettore dovrebbe cliccare sul pulsante PayPal e acquistare il tuo nuovo lavoro.

La realtà non è però molto gratificante per l'autore.

Il fatto è che il lettore tipo, chiamiamolo Paolo Rossi, ha trovato uno dei tuoi post (forse il terzo di 12 di quella serie attentamente pianificata) su StumbleUpon e ha trascorso 30 secondi sfiorando i sottotitoli. Ha letto la prima frase due volte, perché pensava che fosse divertente, poi saltato giù e leggere parte del mio ultimo paragrafo.

Poi se sei fortunato, Paolo Rossi, invece cliccare subito "Stumble", ha sentito il suo capo avvicinarsi alle sue spalle al lavoro e Paoalo ha dovuto pensare in fretta. Ha preso un foglio excel per assomigliare ad uno che stava lavorando. Un'ora più tardi, il cugino di Paolo (Carlo) gli ha inviato un altro link a YouTube, e Paolo ha trascorso 20 minuti navigando sul web e guardando i video dei cani che bevono birra. Poi ha finito davvero in ritardo la relazione che stava scrivendo, mentre mangiava un sacco di patatine e scaricava le email di fine giornata.

Quattro minuti prima di chiudere, Paolo ha notato di nuovo il tuo post, così ha letto il tuo primo comma, e una delle sezioni di questo gli sembrava interessante.

I tuoi lettori non sono stupidi. Ma hanno un sacco di altre cose che competono per la loro attenzione. Quindi no, Paolo Rossi non saprà cosa fare a meno che non glielo scandisci sillabando con dolorosa chiarezza, e probabilmente legandogli sopra un gigantesco fiocco rosso.

Per inciso, questo è il motivo per cui i link che dicono "clicca qui", anche se fanno scandalizzare gli esperti di usabilità del Web , sono la prova migliore di link che funzionano. Potrebbe essere difficile da credere, ma non è così, molti utenti frettolosi e distratti non capiscono subito che devono cliccare qui. Glielo devi dire.

 

  • Esser chiaro non è la stessa a che parlare direttamente al tuo lettore

Il nonno di tutti i Copywriters, John Caples, ha scritto su questo punto già nel 1932.

 "Non fare annunci semplici, perché pensi che le persone siano a basso contenuto di intelligenza. Alcune sono intelligenti e alcune non sono intelligenti. Il punto è che la gente sta pensando ad altre cose quando vede il tuo annuncio. Per questo il tuo annuncio non riesce ottenere la loro attenzione o la loro intelligenza. Anzi, il tuo annuncio riceve solo una frazione della loro intelligenza. . . . La gente non studierà mai attentamente il tuo annuncio. I lettori non volgiono e non possono essere disturbati. E per questo devi fare i tuoi annunci semplici. "

Decidi quale azione vuoi che i lettori prendano. Chiedi loro di eseguire l'azione. Chiediglielo in modo chiaro, conciso e inconfondibile.

Metti almeno una inequivocabile “call to action” in ogni testo di scrittura persuasiva che prepari. Vedrai i risultati.

L'autore: Sonia Simone

Con la traduzione e l'implementazione di Alberto Vigani: classe 1967, laurea in giurisprudenza presso la Università Cattolica di Milano. Avvocato e Consulente del Lavoro. Lealista accanito, crede in una visione liberale del diritto e dell'economia; ha moderato le sezioni giuridiche della più grande community italiana di webmaster , attualmente cura  la redazione di alcuni blog di informazione giuridica a fini divulgativi (www.avvocatogratis.com e www.amministratoridisostegno.com) È convinto fermamente che la comunicazione è il motore del cammino di un uomo. 

Chiedi adesso una consulenza per il Tuo Legal marketing.


Leave a Reply

*

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

Heracliaweb

Get Adobe Flash player