ACCESSORI PER LEGAL BLOG: TWITTER E FACEBOOK

A COSA SERVONO TWITTER E FACEBOOK PER LO STUDIO LEGALE?

Fare marketing è incentivare la veicolazione di informazioni in favore del prodotto.

Al giorno d'oggi i social network svolgono perciò un ruolo sempre più importante nel campo della comunicazione uscendo bel al di fuori della sfera del tempo libero.

Per comprendere il rilievo del fenomeno è utile la ricerca condotta da Social Media Examiner.

Questo serio operatore ha esaminato le risposte delle figure professionali operanti nel campo del social marketing.

Da un esame complessivo del mercato è risultato che i canali di comunicazione più usati sono Twitter e Facebook seguiti, pensa un pò, da LinkedIn.

Considerando i dati degli utilizzatori più avanzati, risulta che il 96% di essi utilizza Twitter, il 91% Facebook e ben l’89% LinkedIn.

Le percentuali sono più basse, ma sempre importanti, se si prendono in considerazione utenti meno avanzati: quasi il 100% inizia su Facebook per passare poi anche su Twitter (71%) e LinkedIn (67%). In tutti i casi, si nota che con l'evoluzione dello user si ha una stratificazione dell'utilizzo dei social e non il semplice passaggio dell'uno all'ltro con l'abbandono di quelli precedenti.

Per comprendere il fenomeno del social marketing e l'importanza dell'interazione con i social network, riportiamo la classifica dei siti più utilizzati dalla totalità degli users, senza distinguere la loro evoluzione internetiana:

  1. Twitter 88%;
  2. Facebook 87%;
  3. LinkedIn 78%;
  4. Blog 70%;
  5. YouTube (o altri portali di video sharing) 46%;
  6. Siti di social bookmarking (come Delicious) 27%;
  7. Forum 26%;
  8. Digg, reddit, Mixx, StumbleUpon e altri 22%;
  9. Ning 17%;
  10. MySpace 11%.

Letti questi dati, tutti concordiamo quindi che è importante targettizzare un'immagine della propria realtà web (del proprio sito e dei referenti dello studio legale) anche su questi social network creando

  • sia profili di ogni nostro vettore di comunicazione,
  • sia occasioni di ripubblicare i nostri articoli al fine di consentirne la massima diffusione.

Ognuno riesce a profilare una particolare sfera di utenza o modalità di comunicazione, sarà perciò necessario comprendere come meglio possiamo essere presenti su ognuno anche per lo studio legale, usando un approccio tipizzato e non sparando a casaccio informazioni che non possono essere raccolte utilmente dagli utenti (si pensi ad esempio alla differenza fra Facebook e Twitter, dove il primo crea una vera e propria vetrina mentre il secondo è semplice stream – flusso – di comunicazione).

Violet O'Neill

Leave a Reply

*

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

Heracliaweb

Get Adobe Flash player