MARKETING RELAZIONALE: PARLARE BENE DEGLI ALTRI FA BENE ANCHE ATE

PROMUOVI TE STESSO PROMUOVENDO QUALCUNO CHE MERITA

Fare autopromozione non vuol dire parlare di sé, ma recensire un’altra persona e, così facendo, creare una connessione di positività.

Mi sono imbattuto in un articolo su un famoso legal blog americano dove Ari Kaplan sta parlando del valore nel promuovere / congratularmi con gli altri e come tale in grado di pagare dividendi per promuovere se stessi.

Mi ricorda il pensiero di un noto opinionista e life trainer, Zig Ziglar, e cioè: “Si avrà tutto ciò che si desidera nella vita non appena si riuscirà ad aiutare altre persone ad ottenere quello che vogliono.” Ha ragione!!

O, come altri hanno detto, se c’è un modo semplice per farsi notare è quello di “aiutare gli altri …senza chiedere niente in cambio.  Ed è così semplice che nessuno ci pensa”.

A questo poi potremmo aggiungere la Teoria di Green: “… La migliore pubblicità è quello che gli altri dicono di voi; e, il modo migliore per consentire agli altri di parlare bene di voi, è di fare cose buone per loro”.

Insomma, riassumendo, si può dire che il modo migliore per promuovere se stessi è aiutare agli altri a promuoversi. Questo è quindi il segreto: diventare un mezzo per condividere conoscenza è un invito ad approfondire l’argomento con la citazione della propria recensione.

Dare commento positivo a realtà circostanti ed a interlocutori qualificati ci qualifica innanzitutto come persone in grado di capire la portata innovativa di quanto citiamo, ci rende protagonisti avanzati del nostro orizzonte e primi interpreti dell’innovazione: diventiamo leadership culturale.

Questa stessa assunzione di ruoli ci rende interessanti anche per coloro che stiamo conseguentemente aiutando e promuovendo: una recensione positiva porta ad un senso di spontanea gratitudine, ma anche ad un moto di stima (tutti pensiamo che chi ci apprezza sia molto intelligente).


Per queste ragioni non si dovrebbe mai perdere occasione di parlare, sottolineare, evidenziare e sponsorizzare culturalmente tutto ciò che ha valore: la sua ascesa trascinerà anche noi (saremo stati fra i primi ad averne capito il significato, quindi dei precursori nell’era che è già stata definita quella dell’economia della conoscenza).

Se un tuo collega ha scritto, fatto o vinto qualcosa di importante è perciò anche tuo interesse farlo tuo condividendo e facendo modo che non sia solo una sua conquista, bensì che sia anche tua, quasi dire che lo sapevi e lo sostenevi (magari in silenzio)!

I tuoi lettori Ti vedranno protagonista quanto Lui; ma tu ci avrai impiegato molta meno fatica e lui te ne sarà comunque grato.

E poi …. a buon rendere.

Alberto Vigani

Leave a Reply

*

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.

Heracliaweb

Get Adobe Flash player