Category: Avvocati

5 CONSIGLI PER FAR CRESCERE LA TUA PRESENZA SU TWITTER

PERCHE’ I TUOI FOLLOWER NON CRESCONO COME VORRESTI?

Da quando ho scelto di utilizzare Twitter come social network primario mi è stato chiesto da molti lettori di raccontare la mia ricetta per far crescere il numero dei followers.

Oggi ho intenzione di dare alcuni consigli che spiegano  come ho fatto  a far crescere il mio numero di follower su Twitter e oltrepassare negli ultimi mesi la soglia dei 500:

1.  Usa gli altri profili social

Hai un profilo social on-line da qualche parte oltre a Twitter? Se la risposta è un bel si, usalo come trampolino di lancio per il tuo Twitter.

Se si tratta di un blog, puoi scrivere dire che stai usando Twitter in un post e linkarlo ad esso dal tuo profilo e dalle pagine di contatto.

WEB, PIL E STUDI LEGALI: COSA CAMBIA?

COME IMPATTERA’ INTERNET SUL MERCATO DEGLI STUDI LEGALI?

Il web sta cambiando le abitudini degli Italiani. Si evolvono l’economia, i comportamenti e i modi di approcciarsi ai problemi della vita.

Già oggi la prima diagnosi delle malattie viene fatta dai pazienti attraverso l’autoinformazione su internet. Quando non è il primo canale di apprendimento resta  sempre il secondo, dove si fa la verifica di quello che refertato il medico offline.

Questo impatterà anche nel modo delle professioni giuridico-economiche.

COME SCRIVERE PER ESSERE UN AVVOCATO MIGLIORE

TRUCCHI PER AVVOCATI MIGLIORI

Vuoi migliorare le tue performance di avvocato?

E allora, quando scrivi, metti il tuo ego in cantina.

NON MI CREDI?

Alza la mano se sei un avvocato.

Ora, alza la mano se hai un ego di dimensioni importanti.

E ora, alza la mano se hai mentito appena adesso e hai tenuto la mano verso il basso.

Ho ragione, vero? Avevi mentito!

Ad esser sincero la battuta non è mia ma di Julie Roads e parlava di scrittori. Le due cose sono però intercambiabili e penso che sarai d’accordo con me nel dire che qualunque avvocato è anche uno scrittore.

Per questo motivo possiamo dire che lo scrivere e l’avere un grande ego vanno di pari passo.

COME DIVENTARE UN AVVOCATO DI SUCCESSO

SE VUOI IL SUCCESSO DEVI CENTRARE GLI OBIETTIVI.

VEDIAMO COME FARE IN 7 PASSI.

Siamo a fine anno ed è tempo di bilanci e piani di sviluppo. Infatti il segreto di un avvocato di grande successo è trovare il tempo per pianificare il futuro.

Come ogni attività anche quella dello studio legale richiede la programmazione della sua crescita e per questo devi tracciare un percorso da seguire.

Poi sarà necessario verificare periodicamente se stai centrando gli obiettivi che ti sei prefissato: è consigliato tenere un incontro almeno una volta al trimestre con i partner dello studio, o anche con tutto lo staff, per valutare i risultati conseguiti, fissare nuovi obiettivi e contribuire al marketing plan del tuo studio legale.

SAI COME ESSERE CONTATTATO DAI TUOI POTENZIALI CLIENTI?

SAI PERCHE’ IL MODULO DI CONTATTO DEL SITO DEL TUO STUDIO LEGALE NON DOVREBBE “MAI” ESSERE COME UN FORMULARIO DELL’INPS?

QUAL E’ IL PRINCIPALE OBIETTIVO DEL SITO DI UNO STUDIO LEGALE?

CHIUDERE IL CONTATTO!

E ALLORA, PERCHÉ IL TUO NON CI RIESCE?

Veniamo subito alla questione: mi sono imbattuto in molti siti web di avvocati che hanno un problema devastante.

Il sito si presenta bene, ed ha anche una buona “Call to action” ovvero un buon incentivo al contatto di modo che l’utente sappia cosa fare per passare alla fase di colloquio con l’avvocato.

Poi il visitatore clicca su “Contattaci” o su “Chiamaci gratuitamente per un colloquio” e trova un questionario lunghissimo dove gli viene chiesto di tutto, mancando solo il nome da nubile della nonna materna.

PERCHE’ IL SITO DEL TUO STUDIO LEGALE E’ IL PRIMO LUOGO DOVE SARAI GIUDICATO?

CHIEDERESTI CONSIGLIO AD UN PERDENTE?

Quando esci per strada sai che dal tuo contegno e dal tuo look si capirà se sei un troglodita od un avvocato di successo.

Adesso pensa alla nostra epoca. Al momento storico in cui viviamo.

Qualche anno fa si diceva ce il vestito fa il monaco. Oggi il tuo vestito è la homepage del tuo sito web.

Le pagine web del sito dello studio sono la vetrina dove i tuoi potenziali clienti vanno a sbirciare la tua mercanzia: ogni nuovo contatto, ma vale anche per il clienti che già hai, va sul tuo sito a vedere se sei veramente quello che racconti di essere.

Diventa come la cartina di tornasole della tua vita: tutti sanno non puoi raccontare efficacemente offline qualcosa che non hai il coraggio di sostenere anche davanti ad una platea infinita come il web.

POTERE O CAPACITA’ DI INFLUENZARE: QUALE SCEGLI?

CONTA DI PIU’ L’AVVOCATO POTENTE O QUELLO AUTOREVOLE?

Se tu potessi scegliere fra Potere o Capacità di Influenzare, quale vorresti? Uno è più importante dell’altro o sono entrambi necessari per avere successo con il tuo studio legale? Se magari fosse possibile sceglierne uno solo dei due, come risponderei a questa domanda?

Questa è la mia teoria: se potessi sceglierei la capacità di influenzare invece del puro potere: la maggior parte delle persone compra una storia quando sceglie un legal brand, questo significa che quella specifica persona è “influenzata” dalla cultura, dai media, da ciò che sappiamo e da come noi percepiamo essere le cose attorno a noi.

La realtà non cambia, ma cambiano i soggetti percettori, o meglio le loro percezioni. Questo anche perchè ci sono fenomeni di massa che influenzano tali percezioni.

LEGAL MARKETING: IL VACCINO E’ MEGLIO DELLA CHEMIO?

COSA NON DEVI FARE L’ANNO PROSSIMO?

Arriva la fine dell’anno ed è tempo di bilanci. Come abbiamo fatto a dicembre scorso ci guardiamo indietro e vediamo che abbiamo sfornato un mare di lavoro … tante cose fatte, tante ancora da fare oltre a qualche aggiustatina alla rotta.

Del resto, come tutte le attività basate sull’interazione umana, anche il legal marketing è un percorso di test ed assestamenti; insomma, ha molto di empirico ed ogni regola deve essere attualizzata alle caratteristiche della popolazione su cui si va ad impattare.

TWITTER E LA COMUNICAZIONE PER GLI STUDI LEGALI

QUESTA E’ L’ERA DELL’ECONOMIA DELLA CONOSCENZA: TWITTER NE E’ IL SIMBOLO, MA SERVE ANCHE PER IL TUO STUDIO LEGALE?

Il mondo delle Pubblic Relations sta cambiando per sempre.

I social media network come Facebook e Twitter hanno completamente ridefinito il paradigma delle relazioni pubbliche. Basta pensare che solo un paio di anni fa sarebbe stato difficile immaginare un servizio di micro-blogging, tutto con messaggi di soli 140 caratteri e anche non collegato direttamente alla tua posta in arrivo.

Tutto questo ha cambiato e sta cambiando anche il mondo delle law firm, lo ha già fatto definitivamente oltreoceano e comincia ad imporsi pure in italia, dove la competizione ha fatto capire a tutti che l’avvocato deve pensare a gestire le proprie pubbliche relazioni.

Social Media vs Pubblic Relation

MARKETING RELAZIONALE: PARLARE BENE DEGLI ALTRI FA BENE ANCHE ATE

PROMUOVI TE STESSO PROMUOVENDO QUALCUNO CHE MERITA

Fare autopromozione non vuol dire parlare di sé, ma recensire un’altra persona e, così facendo, creare una connessione di positività.

Mi sono imbattuto in un articolo su un famoso legal blog americano dove Ari Kaplan sta parlando del valore nel promuovere / congratularmi con gli altri e come tale in grado di pagare dividendi per promuovere se stessi.

Mi ricorda il pensiero di un noto opinionista e life trainer, Zig Ziglar, e cioè: “Si avrà tutto ciò che si desidera nella vita non appena si riuscirà ad aiutare altre persone ad ottenere quello che vogliono.” Ha ragione!!

O, come altri hanno detto, se c’è un modo semplice per farsi notare è quello di “aiutare gli altri …senza chiedere niente in cambio.  Ed è così semplice che nessuno ci pensa”.

Heracliaweb

Get Adobe Flash player